Si intitola cosi la mostra temporanea che dal 7 dicembre scorso è presente al Forte di Bard.
Il mondo dei giocattoli d’antan, quelli con cui giocavano i nostri nonni da piccoli e che sono dei piccoli capolavori. Un mondo incantato e, spesso, non troppo lontano da noi: basterebbe infatti fare un giro nelle nostre soffitte per trovare qualche tesoro nascosto: una piccola funicolare che sale fino “in cima alla montagna” per poi tornare a valle, un “tatà”, classico giocattolo in legno che rappresenta animali con le ruote e spesso dotati di cordicelle per poterli trascinare appresso, ma anche i primi modelli di automobili in scala e gli slittini in legno. Tutte queste meraviglie sono raccolte fino al 27 marzo nella splendida cornice del Forte di Bard. Chissà, magari domani qualcuno di noi, spolverando in soffitta, scoprirà di avere un tesoro nascosto….Quali erano i vostri giochi preferiti da piccoli? Quali quelli tramandati dai vostri genitori e dai vostri nonni?

Due versioni del tatà, in legno e legno e ceramica

 

Potrebbero anche interessarvi

Annunci